Tourisme Opio

Ascolta la colonna sonora: 
Guarda il video in FLS: 

Situato nell’alta vallata della Brague, un piccolo fiume costiero, il territorio di Opio si suddivide in zone residenziali, campi da golf e terrazze coltivate in cui domina l’ulivo. Il villaggio, il cui nome evoca un oppidum, ovvero un antico sito fortificato sulle alture, presenta una bassa densità abitativa sulla collina, mentre un agglomerato importante è presente nella frazione di Saint-Pierre, dove è stato collocato un lavatoio pubblico. L’occupazione di Opio, chiamato Opia fino al sedicesimo secolo, risale a un’epoca lontana. Alla fine del decimo secolo, Rodoard, compagno d’armi del conte di Provenza, riceve alcuni terreni sulla diocesi di Antibes. Vi stabilisce una proprietà fondiaria che condivide con i suoi vassalli. I suoi successori, sposando figlie dei piccoli signori locali, aumentano pian piano i loro possedimenti. Così il territorio si estende ben al di là dei limiti attuali del comune. Vengono costruite due chiese, donate al vescovo di Antibes. Dopo le crisi del Medioevo, la signoria si ripopola con difficoltà, cosa che spiega perché l’antico sito del castello, dove si trova la chiesa di Sainte-Trophime, non sia diventato un villaggio importante. Le terre vengono sfruttate dagli abitanti dei comuni vicini per conto dei ricchi proprietari. Fra essi, i vescovi di Grasse, il più conosciuto dei quali resta Antoine Godeau, membro dell’Académie française, nominato signore di Opio da Luigi tredicesimo. Essi costruiscono, nel villaggio, una bastide, una grande villa in campagna databile al diciassettesimo secolo, che oggi ospita il municipio. Altre bastides, come la Bégude, la Grande Bastide, San-Peiré, al centro di importanti domini rurali, giocano un ruolo essenziale nell’economia locale. Come il fotografo Jacques Henry Lartigues, lasciatevi sedurre dal patrimonio rurale di Opio e dai magnifici punti d’osservazione che questo villaggio offre sul territorio di Grasse.

Informazioni pratiche Opio

Ufficio del turismo di Opio
Incrocio della Font-neuve
06650 OPIO
Tel : +33 (0)4 93 60 61 72
Sito Internet : www.mairie-opio.com
E-mail : pointinfotourisme@mairie-opio.fr

Pagine